COME FUNZIONA

Il metodo consiste nella ricostruzione di zone colpite da calvizie, più o meno estese.

Viene simulata una pelle artificiale su una conformazione cranica definita da infoltire e qui vengono innestati i capelli veri e naturali di donatore, perfettamente compatibili con i propri, garantendo così un risultato ottimale per ciò che riguarda la sicurezza nella gestione e l'estetica della pettinatura.
La pelle di sintesi aderisce perfettamente alla cute mediante coesivi biocompatibili e ipoallergenici.

Il metodo non presenta controindicazioni perchè non è un trapianto e non ricorre alla chirurgia e quindi sono da escludere incompatibilità o rigetto, che invece sono tipici di interventi chirurgici.
Inoltre il metodo è clinicamente testato e sottoposto a test di compatibilità dermatologica e per una maggiore tranquillità, prima dell'integrazione, si procede all'esecuzione di un patch-test, test allergologico specifico.

Il sistema anticalvizie protesico non è un parrucchino, che costringe ad una cura quotidiana e frequente pulizia completa e condiziona chi lo usa ed è poco funzionale con un limitato risultato estetico.

I capelli dell'impianto non ricrescono perchè si, sono veri, ma sono recisi, tagliati, non più vivi.
I capelli naturali, sotto l'impianto, invece, crescono e vanno adattati, con il taglio, a quelli del sistema di infoltimento.

A questo metodo possono ricorrere tutti anche quelli completamente calvi poiché non ci sono limiti e il risultato desiderato si consegue a prescindere dalla superficie da infoltire.

Il metodo consente di affrontare il quotidiano con la massima libertà, non esistono limitazioni.
I capelli infoltiti si gestiscono con i propri e come i propri, per quanto riguarda l'igiene e l'estetica.
Si può adottare qualsiasi tipo di pettinatura e di look.

Si possono effettuare interventi di styling senza problemi: colore, colpi di luce e applicare tranquillamente prodotti come gel, lacche etc.